Umoristi a Marostica dedica una mostra a Gianluigi "Didi"

Mostra dedicata a Gianluigi "Didi" Coppola. Sale espositive al Castello Inferiore di Marostica dal 29 aprile al 28 maggio 2017
Mostra antologica dedicata
Gianluigi "Didi" Coppola
Scadenza partecipazione e invio opere:
31 marzo 2018
Apertura mostra:
sabato 29 aprile ore 15.00
Esposizione:
Dal 29 aprile al 28 maggio 2017
Orario:
10.00 - 12.00 15.00 - 18.00 (Chiuso Lunedì)
Inaugurazione:
6 maggio ore 17.00

Il Gruppo Grafico Marosticense a partire dal 2015 ha avviato un nuovo Progetto con l’intento di rinnovare e migliorare l’attività culturale che ha una lunga storia iniziata nel lontano 1969.

Il Concorso Internazionale di Grafica Umoristica “Umoristi a Marostica” è diventato biennale per ottimizzarne l’organizzazione sempre più complessa, vista anche la nuova dimensione dei social network.

Al Concorso si alternano degli eventi espositivi dedicati a grandi maestri della grafica e dell’umorismo. Nel 2015 abbiamo realizzato una mostra antologica su Eronda , al secolo Mario de Donà, noto grafico bellunese.

Quest’anno proponiamo, sempre presso le sale espositive del Castello Inferiore, una mostra antologica dedicata a GIANLUIGI “DIDI” COPPOLA, importante illustratore e fumettista che ha lavorato anche per “Dylan Dog” e “Martin Mystère”.

Gianluigi “Didi” Coppola, la cui produzione artistica ha attraversato buona parte del XX secolo fino ai primi anni del 2000, era nato a Chiavari, in provincia di Genova, il 16 aprile 1928.

Nel 1949, dopo il liceo artistico, si trasferì a Milano dove trovò lavoro per il giornale a fumetti “Goal“, edito dalla “Gazzetta dello Sport”. In seguito affiancò Ferdinando Tacconi nella realizzazione di “Nat del Santa Cruz” e Franco Paludetti per “Sciuscià“, due fumetti che in quegli anni andavano per la maggiore.

Nel 1956 si trasferì in Inghilterra, dove rimase per circa vent’ anni, realizzando altri famosi personaggi a fumetti: “Billy the Kid” per il “Sun“, “Scoop Donovan” e “Battler Britton“. A Londra in quegli anni vivevano e lavoravano diversi fumettisti italiani, tra cui il suo coetaneo Hugo Pratt, a fianco del quale Coppola lavorò per le storie di guerra prodotte dall’importante agenzia Fleetway, quelle che anni dopo furono tradotte in Italia nelle pubblicazioni di successo “Collana Eroica” e “Supereroica”.

A partire dagli anni Sessanta iniziò a dedicarsi all’illustrazione con copertine di libri per la Penguin Books e di classici, gialli e romanzi per altre case editrici britanniche come Corgi, Fontana, Collins, Pan e Granada.

Lavorò inoltre nell’ambito della grafica pubblicitaria, collaborando col “Sunday Times” e l’agenzia Young & Rubicam e con riviste come “Forum”, “The Observer”, “Psychology Today” e altre ancora.

Nel 1979, rientrato in Italia, iniziò una lunga collaborazione con Mondadori, illustrando classici per ragazzi e copertine della collana Oscar. Lavorò per “Playboy” e “Penthouse” e nel 1990 ritornò al fumetto entrando nello staff di Sergio Bonelli e disegnando per “Dylan Dog” e in seguito per “Martin Mystère”. Negli ultimi anni si dedicò soprattutto alla pittura di mare e alla ritrattistica.

È scomparso a Genova il 24 agosto 2015.

Nel suo percorso artistico Coppola collaborò fruttuosamente con importanti personaggi dell’editoria internazionale, tra cui il grafico e critico Germano Facetti. Durante il periodo londinese ebbe l‘opportunità di lavorare con i grandi illustratori e cartellonisti Giorgio De Gaspari, Pino Dell’Orco, Renato Fratini e con il fotografo Enzo Ragazzini. Fu inoltre legato da profonda amicizia con il grande artista e scenografo Emanuele Luzzati e con il pittore e illustratore Flavio Costantini, insieme con i quali realizzò il corpus d’immagini della rivoluzionaria enciclopedia “Io e gli altri”.

Recentemente la sua città natale di Chiavari  gli ha dedicato una articolata retrospettiva presso il Museo Ravaschieri e la Civica Galleria di Palazzo Rocca, curata da Ferruccio Giromini con il supporto della famiglia dell’artista, nelle persone della moglie Adriana Oldani e  del figlio Thomas.

La mostra di Marostica proporrà numerosi esempi dell’opera grafica di illustrazione  e di  fumetto di Coppola, presentando in particolare, con la collaborazione di Sergio Bonelli Editore, numerose tavole originali tratte da episodi di “Dylan Dog” e “Martin Mystère”.

 

Apertura

L’esposizione si aprirà sabato 29 aprile alle ore 15.00, mentre il 6 maggio alle ore 17.30 si terrà l’inaugurazione alla presenza della famiglia Coppola e del curatore Ferruccio Giromini.

La mostra resterà aperta presso le sale del Castello Inferiore fino al 28 maggio con il seguente orario: 10.00-12.00 / 15.00-18.00 (chiuso il lunedì).

it_IT